News

La recensione! Luigi Mameli su Giorgia: "Da interprete eccellente a regina del karaoke"

Giovedì 29 Novembre alle 10:02


Pop Heart

Come si fa a dire ad un’amica che un outfit non le dona, che un vestito le stringe i fianchi o che un tacco dodici non va abbinato ad una tuta da ginnastica? Se le si vuol bene, glielo si dice. Anche se lei ha (quasi) sempre avuto degli outfit giusti, i fianchi sono quelli di un fenicottero e il tacco dodici la rende ancora più elegante. Lei è Giorgia. La prima cantante con cui Mina si è degnata di fare un duetto (Carrà a parte, ma quella è preistoria). Pop Heart di Giorgia è un disco di cover venuto male, a tratti malissimo. Eppure le cover le sapeva fare. “Nessun dolore” di Battisti su tutte. Tu che sei la più brava, prendi una canzone e te la metti addosso, la fai tua e la stravolgi. Ricordate Almeno tu nell’universo di Elisa? Sembrava impossibile confrontarsi, senza bruciarsi, con Mia Martini. Il risultato fu superbo. Una scaletta pasticciata, senza capo né coda. Da interprete eccellente si è trasformata in regina del karaoke. Gli arrangiamenti sono imbarazzanti. Basi midi, quelle che su You Tube te le lanciano addosso e che servono alle dodicenni a cantarci sopra le canzoni di Giorgia. La cosa sconvolgente è la totale assenza di anima. Prendete - una canzone a caso - Vivere una favola di Vasco Rossi: un arrangiamento finto urban moderno, finto r’n’r. Finto e basta. Ma che le è successo? Non è un’interpretazione, è uno scempio. È come leggere Leopardi e far finta che sia un giornale di gossip. È imbarazzante il confronto con Carmen Consoli di cui riprende L’ultimo bacio. Non c’è bisogno di fare ghirigori con la voce. Le ha tolto quella malinconia che la rendeva inarrivabile. E poi le canzoni di Madonna, degli Eurythmics, di Donna Summer: tutto sbagliato con suoni antichi che manco le cover band dei Modà. Per non parlare di I will always love you di Whitney Houston. Se si fosse presentata ad X factor, i giudici si sarebbero strappati trucchi parrucchi e avrebbero gridato al miracolo. Peccato che non sia una qualunque a cantare, ma sia Giorgia. Abbiamo tutti i tuoi dischi, cara Todrani. Se Oro nero era un passo falso, questo è proprio il baratro.

Luigi Mameli

Loading...
Caricamento in corso...