NEWS

Arriva venerdì 17: a Cagliari c'è la giornata anti superstizione

cornetto portafortuna
Cornetto portafortuna

Dopo dieci anni torna a Cagliari la Giornata AntiSuperstizione, organizzata in tutta Italia dal CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze.

L'appuntamento è per venerdì 17 dalle ore 19 al Caffè Savoia di piazzetta Savoia.

Sarà l'occasione per cimentarsi in un percorso creato per l'occasione: passare sotto una scala, rompere uno specchio, rovesciare il sale e sfatare tante altre piccole superstizioni che ogni giorno viviamo o subiamo. Per i più coraggiosi ci sarà anche un attestato alla fine del percorso. Chi vorrà potrà anche solo stare ad ascoltare gli aneddoti e le storie che verranno raccontate durante la serata, tutte legate alle superstizioni nella vita quotidiana e nel mondo del lavoro.

"Finalmente riusciamo a riportare a Cagliari la Giornata AntiSuperstizione – dicono gli organizzatori dell'evento, un gruppo locale di soci e simpatizzanti del CICAP – e siamo certi che tante persone si vorranno divertire con noi a smentire tutte le piccole credenze che vediamo tutti i giorni".

La Giornata AntiSuperstizione torna in Sardegna dopo aver fatto la sua prima comparsa nel 2009, quando alla Scuola d’Arte Magica Harry Houdini gestita dal prestigiatore Alfredo Barrago a Quartu S. Elena (CA) si presentarono tanti curiosi e appassionati pronti a sfidare la sorte.

Cosa è la Giornata AntiSuperstizione

La Giornata AntiSuperstizione, è una iniziativa lanciata dal CICAP nel 2009 per trattare in modo leggero e divertente credenze che possono avere invece risvolti anche drammatici: le superstizioni. " Gatti neri, specchi rotti e pericolosi versamenti di sale infatti sono ancora presenti nel nostro immaginario, ma possono finire per condizionare negativamente la vita delle persone che ci credono. Spesso, quando questo accade, non è altro che una profezia che si autoavvera", commenta Massimo Polidoro, segretario e direttore generale del CICAP.

Rigorosamente di venerdì 17, ogni anno i gruppi locali del CICAP scendono in piazza per sensibilizzare su questo argomento e invitare le persone a mettersi in gioco. "Fin dall’inizio – racconta Marta Annunziata, coordinatrice dei gruppi locali del CICAP – abbiamo voluto organizzare soprattutto eventi in piazza, rivolti al pubblico in modo insolito e informale, con banchetti e giochi in forma di percorsi a ostacoli per superstiziosi, ruote o tombole della sfortuna, ma negli anni i gruppi CICAP hanno proposto anche conferenze, cene, quiz e aperitivi a tema, interventi in radio e TV, flashmob, mostre… sempre comunque con prove pratiche da affrontare! Parliamo di oltre 80 iniziative ideate e realizzate da volontari".

© Riproduzione riservata

UOL Unione OnLine

Più Visti
Loading...
Caricamento in corso...